Arrivo:

Partenza:
Notti
Adulti
Bambini
Età bambino(i)
Stanze

  • Benvenuti a Monza.
  • Benvenuti a Monza.
  • Benvenuti a Monza.
  • Benvenuti a Monza.
Un week-end a Monza 

Sabato Mattina

La visita alla città si apre con la Villa e i Giardini Reali. Alle ore 9.40 si raggiunge la Cappella Espiatoria, realizzata nel 1910 sul luogo del regicidio di Umberto I di Savoia, secondo il progetto degli architetti Sacconi e Cirilli. Intorno alle 10.00 si raggiunge la Villa Reale, residenza della corte arciducale Asburgica, del vicerè di Francia e dimora estiva di Casa Savoia, realizzata nel 1777 su progetto di Giuseppe Piermarini. L’accesso agli appartamenti del piano nobile potrà avvenire compatibilmente con i lavori di restauro in corso, tuttavia si possono visitare tre gioielli dell'arte neoclassica: il Teatro di Corte, la Cappella Reale, la Rotonda decorata con il ciclo ad affresco di "Amore e Psiche" realizzato da Andrea Appiani. La visita prosegue intorno alle ore 12.00 nel Roseto e nei Giardini Reali.



Sabato Pomeriggio

Alle ore 15.00, raggiunto il centro attraverso i Boschetti Reali, in via Carlo Alberto si apre sulla sinistra la piazza che ha per fondale la chiesa duecentesca di S. Maria del Carrobiolo, con importanti dipinti e decorazioni del Barocco e del Rococò lombardi. Poco oltre, a destra, la chiesa duecentesca di S. Pietro Martire, con affreschi trecenteschi, e in piazza Roma il Palazzo dell'Arengario, sede medievale del Comune di Monza.
Alle 15.40 la visita prosegue nel Duomo, edificio trecentesco innalzato sui resti della basilica longobarda fondata da Teodelinda nel 595: importanti cicli di affreschi, dal XV al XVIII secolo, fra cui l'Albero della Vita di Giuseppe Arcimboldo e Meda, la Cappella di Teodelinda con le Storie della regina, capolavoro del gotico internazionale, l'Altare Maggiore di Andrea Appiani e il pulpito campionese.
Nella Cappella di Teodelinda si conserva la Corona Ferrea dei Re d'Italia e nel Museo il Tesoro della regina: avori tardo-antichi, argenti lombardi, arazzi del Cinquecento. Dal Duomo, attraverso via Vittorio Emanuele si raggiungono l'Oratorio di S. Gerardino, con affreschi del Luini, la chiesa di S. Maurizio, un tempo collegata al Convento della Monaca di Monza e ritornando verso il centro, in via Italia, la chiesa di S. Maria in Strada, con l'elegante facciata in cotto dei primi del Quattrocento e, infine, un'importante Crocefissione del Trecento, alla base del campanile..



Domenica

La giornata è destinata al Parco di Monza, realizzato nel 1805-1806 su progetto dell'architetto Canonica per volere di Napoleone Bonaparte. Per gli sportivi, l'apertura alle ore 7.00 consente di iniziare la giornata con un po' di footing in un ambiente suggestivo, in mezzo al verde, lontano dalle auto. Altrimenti la visita storico-architettonica alle ville e alle cascine neoclassiche inizia alle ore 10.15. Importanti le ville Mirabello e Mirabellino, costruite dalla famiglia Durini, feudatari di Monza.
Alle ore 11.30 sosta alla Cascina Frutteto poi percorso naturalistico-botanico.
Per gli appassionati di motori è possibile accedere all'Autodromo Nazionale di Monza, sede del Gran Premio d'Italia che, nei fine settimana in cui non sono ospitati eventi motoristici nazionali e internazionali, apre la pista per giri turistici.
In alternativa al percorso suggerito, è possibile trascorrere la giornata sui campi del Golf Club Milano, splendido con le sue 27 buche immerse nel verde oppure al Centro Ippico S. Maria presso la Cascina Casalta, una scuola di equitazione che organizza anche passeggiate a cavallo nel Parco.
Le attività facoltative negli impianti dell'Autodromo, del Golf e del Centro Ippico sono a tariffa agevolata, previa prenotazione telefonica.